gransasso3.jpg
gransasso1.jpg
gransasso2.jpg
gransasso4.jpg
Dest. Relig.
Montagna

Isola del Gran Sasso d Italia

Manifestazioni

Segnala un evento


Nelle vicinanze del paese sono state rinvenute tracce di abitazioni del periodo del neolitico, ma le prime notizie certe su Isola si hanno nell'XI sec., quando Adalberto nel 1063 dona alla Chiesa la Cattedrale di S. Maria di Teramo, la porzione di sua proprieta' del Castello de la Isola.
Nel 1120 Berardo, vescovo aprutino, infeuda la cittadina a Enrico e Matteo, conti d'Aprutium.
I conti di Pagliara la governarono fino al 1340 e a loro successe, per eredita', Napoleone Orsini.
Nel 1419 furono redatti gli Statuti dell'Universita' dell'Isola che oltre ad essere i piu' antichi finora trovati nella provincia di Teramo, costituiscono l'unico documento scritto in lingua volgare della zona.
Dopo molti passaggi di proprieta', l'abolizione del feudalismo nel 1806 pose termine ai domini.
Dal 1861, in seguito all'Unita' d'Italia, si manifestarono nel paese frequenti episodi di brigantaggio Nel 1863 il comune prese il nome attuale di Isola del Gran Sasso d'Italia.
Il borgo attuale e' caratterizzato da alcune antiche abitazioni medievali ornate da finestre decorate da sentenze latine.

Monumenti
Cappelletta di S. Sebastiano: al suo interno sono custoditi interessanti affreschi quattrocenteschi;

Escursioni
Santuario di S. Gabriele (a due km): fondato da S. Francesco d'Assisi nel 1215, il convento e' stato ricostruito dai padri passionisti nel 1934; vi e' conservato il corpo di S. Gabriele dell'Addolorata (1838-1862), patrono dell'Abruzzo, canonizzato da papa Giovanni XXIII nel 1959. E' la meta di pellegrinaggi piu' frequentata della regione;
Chiesa di S. Giovanni al Mavone (a tre km): e' in stile romanico e si eleva su un'altura nella valle del Mavone; la facciata duecentesca presenta un portale sormontato da un falso protiro e da un oculo; al suo interno sono visibili resti di affreschi del XV sec. e la cripta absidata con volte a crociera. E' annoverata nell'elenco degli edifici monumentali della provincia di Teramo;
Chiesa di S. Maria di Ronzano (a 9 km): sorge in posizione panoramica di fronte al Gran Sasso. Costruita nel XII sec., e' un importante testimonianza dello stile romanico abruzzese; al suo interno si trovano preziosi affreschi del XII sec. di stile paleocristiano che decorano il transetto e le due absidi;
Castelli (a 10 km): la cittadina e' famosa per l'arte della ceramica, che vi fiori' fin dal 1200; la tradizione ceramistica e' tuttora tramandata nel locale Istituto d'Arte e l'attivita' produttiva e' in gran ripresa. Il Palazzo Comunale ospita una gran raccolta di ceramiche castellane. Nella Chiesa di S. Giovanni, caratterizzata da un pulpito esterno del sec. XII, si trova una pregevole scultura lignea duecentesca rappresentante S. Anna e Maria;
Tossicia (a 7 km): e' un caratteristico paese della valle del Mavone, dove sorge la piccola Chiesa di S. Antonio Abate, ornata da un maestoso portale del quattrocento lombardo.
Per la scenografica posizione geografica sono presenti numerosi eremi, principalmente nelle frazioni di Fano a Corno e Casale S. Nicola.
Conosci questa località ?
Oppure chiedi a chi la conosce

Aggiornamenti degli utenti

Se conosci notizie ulteriori, hai consigli per chi intende visitare questa località, oppure precisazioni particolari, scrivile qui in modo da aiutarci a tenere sempre aggiornata la scheda della località.

Foto inserite dagli utenti
Click per ingrandire

Aggiungi
Foto

Carica un'Immagine

×

Diari di viaggio
Click per leggere

Aggiungi
Diario